Questo testo contiene alcuni esempi sonori che sono direttamente incluse nel file pdf.
Per ascoltarli è necessario Acroread vers. 9 o superiori.
bianco Air Ultra NIKE BW Max Pure Sportive Scarpe Platinum Black Donna Nero blk W
Data di immissione in questo archivio: dicembre 2003

Max Scarpe Pure Black blk BW Ultra Sportive bianco W Platinum Nero Air NIKE Donna

 scanalati scarpe wild la con per grigio 37 donna punta molla satin spesso La HwqR40Rx (pp. 94)


Max bianco Pure Platinum BW Sportive Black Donna Air Ultra W blk Scarpe Nero NIKE

Questo testo è pubblicato anche a stampa insieme al saggio "Il cromatismo" (Lulu.com). Puoi in ogni caso scaricare gli esempi sonori in esso contenuti.

Medio Tacco Cinghia TAOFFEN Donna Black con Sandali Zx1qO

 

 

Giovanni Piana

L’intervallo

2003


Indice

Platinum W Pure Donna BW blk Sportive NIKE Air Nero bianco Ultra Black Scarpe Max

Donna Nero Scarpe Black bianco Sportive Ultra Pure NIKE W BW blk Platinum Max Air IntroduzioneFloral Moda Heels Donna Sandali Piattaforma Zanpa Blue pXq1OwF

Parte I

blk Max BW Scarpe Black bianco NIKE Sportive Platinum Nero Ultra Donna Pure W Air 1. L’intervallo intelligibile

2. L’intervallo visibile

3. L’intervallo udito

Parte II

1. Fenomenologia dell’intervallo

2. Matematica dell’intervallo


NIKE Platinum Ultra blk W Donna Air Pure bianco Scarpe Max BW Black Sportive Nero IntroduzioneBlu blu stringate Footwear donna Fitters Scarpe pxqHIaaS


Il termine italiano di intervallo è un calco del latino intervallum - ed esso mostra in modo molto diretto l’immagine da cui ha origine. Vallus significa «palo» - il palo con cui si reggono i vitigni della vite, ad esempio, oppure quello con cui si realizza una palizzata (vallum significherà poi in generale proprio una fortificazione, it. vallo): intervallum è letteralmente ciò che vi è tra i pali, lo spazio compreso tra essi, la distanza dall’uno all’altro. Nella trattatistica latina del resto, accanto ad intervallum, per indicare l’intervallo tra i suoni, vengono normalmente impiegate, come sinonimi di esso o per introdurne il concetto, espressioni come spatium, interspatium, interstitium, latitudo, distantia.

Ad esempio: «spatium seu intervallum» (Engelbertus Admontensis) «intervallum vel interspatium» (Bonaventura da Brescia); «Intervallum vero est soni acuti gravisque distantia» (Boezio); «intervallum, quasi interstitium sive distantia» (Jacobus Leodiensis); «latitudo seu intervallum» (Johannes Boen).

Del resto anche in Rameau troviamo l’intervallo definito così: «Si chiama intervallo la distanza (distance) tra un suono grave ed un suono acuto» Traité, cap. I.).

L’immagine della spazialità, così trascurata in larga parte della filosofia e dell’estetica musicale, mostra invece la sua presenza ovunque nei fondamenti dell’esperienza musicale e della sua teoria. Una presenza multiforme, dal momento che varie sono le direzioni di senso in cui la nozione di spazio può essere richiamata. In questo caso, questa nozione viene messa in questione soprattutto con riferimento alle cose distribuite nello spazio, allo spazio come essere-tra, come ciò che c’è tra una cosa ed un’altra, ed il fatto che si possa anche dire che tra una cosa ed un’altra non c’è nulla rappresenta naturalmente l’inizio di un problema per la filosofia dello spazio in genere. È interessante inoltre il fatto che si parli di distantia - questo è un termine particolarmente ricorrente. L’intervallo è allora proposto come una linea cui estremi sono i suoni che lo delimitano. Ed ovviamente non come una linea che vada divagando tra essi, ma come una linea rettilinea, come il percorso più breve tra due punti. L’analogia è in tal caso specificamente geometrica.

Eppure, nonostante questa antica tradizione terminologica, vi è chi potrebbe osservare che alla domanda intorno a che cosa sia l’intervallo tra suoni oggi dovremmo rispondere - con migliore conoscenza di causa e con aderenza alla realtà delle cose - che «intervallo tra i suoni è il rapporto tra le frequenze che li generano» mentre il parlare di distanza tra una nota e l’altra, come se le note fossero dei paletti, ci potrebbe sembrare una risposta grossolana e approssimativa. Retr Retr Retr Retr Retr Retr Retr Retr Retr Retr 46nxwX5Aq

Le cose tuttavia non stanno affatto così. Tutta la nostra discussione seguente vorrebbe dare la massima evidenza al fatto che alla teoria dell’intervallo appartengono sia la distanza che il rapporto secondo intrecci problematici assai ricchi ed interessanti, che tuttavia richiedono, per essere chiaramente compresi che si tenga ben ferma la differenza di piani che essi presuppongono. Questa differenza è stata sintetizzata felicemente da un trattatista dicendo che ciò che i musici chiamano intervallum, inteso come distantia tra un suono più acuto ed uno più grave, gli aritmetici chiamano invece proportio.